In che modo sbagliare ha salvato un’impresa

Da Stefano Comoglio

28 Settembre 2015

Un anno dopo la sua fondazione l’appena nato Impact Hub Berlin era a una sola e-mail dalla chiusura. Un errore però significa la fine solo se non impari da esso, dice la CEO Nele Kapretz.

Gli errori sono il carburante del successo

HUB

Servono investimenti per trovare uno spazio. Serve spazio per trovare un investimento. Era questo il dilemma che ha quasi portato alla chiusura di Impact Hub Berlin a solo un anno dall’inizio del progetto. Passiamo al 2015: l’hub è redditizio, stracolmo e indicato dal cancelliere tedesco come un modello nuovo di business di successo. Cosa hanno fatto per capovolgere la situazione?

Prima di tutto, hanno rifiutato di arrendersi. Non sottovalutate la perseveranza. Per una prova del suo potere basta azionare un semplice interruttore della luce: Thomas Edison ha provato più di 1.000 versioni della lampadina prima di perfezionare il progetto che ha cambiato il mondo. Sbagliate, ma non mollatee ricordatevi che perdete davvero solo quando vi rassegnate all’idea che non potete raggiungere i vostri obiettivi.

The Impact Hub community Aprirsi alla sua comunità di appassionati ha aiutato l’hub a sopravvivere ai momenti più difficili.

Il passo successivo era individuare ciò che era andato storto e ammettere pienamente gli errori. Il team di Berlino aveva accettato di non essere riuscito a implementare il proprio modello: “Diciamo tutto il tempo che si devono fare prototipi e non ne avevamo realizzato neanche uno” dice Nele. Senza un’analisi chiara e imparziale delle ragioni per cui qualcosa non ha funzionato non è possibile delineare una precisa visione di come sia possibile migliorare.

Using a Skype chair

Scopri la storia sottesa alla cultura di innovazione di Impact Hub

Il passo successivo era individuare ciò che era andato storto e ammettere pienamente gli errori. Il team di Berlino aveva accettato di non essere riuscito a implementare il proprio modello: “Diciamo tutto il tempo che si devono fare prototipi e non ne avevamo realizzato neanche uno” dice Nele. Senza un’analisi chiara e imparziale delle ragioni per cui qualcosa non ha funzionato non è possibile delineare una precisa visione di come sia possibile migliorare.

Make the space work harder Sperimentare modi innovativi per far funzionare meglio lo spazio significa trovare soluzioni di design intelligenti.

Il trucco è pensare come uno scienziato e trattare ogni iterazione della propria idea come una possibilità di mettere alla prova un’ipotesi. Se risulta esatta, ottimo. Altrimenti va bene lo stesso: si sono ricavate preziose informazioni per rendere migliore il prossimo tentativo. Spostare la prospettiva oltre il modello binario successo/fallimento rende ogni risultato una vittoria.

Where ideas have sex

Perché i vostri concorrenti in realtà sono vostri collaboratori

E rende molto più semplice esporsi in pubblico con i propri errori. Non c’è alcuna vergogna nell’ammettere che qualcosa non funziona se lo si considera come parte del percorso verso il successo. Ma perché condividere i fallimenti? In sintesi, per trovare il sostegno e i consigli di cui potreste avere bisogno per portare avanti il vostro progetto.

A growing community A mano a mano che la comunità è cresciuta, lo spazio si è evoluto per soddisfare le sue necessità.

Per Impact Hub Berlin condividere la situazione con la comunità è stato il punto di svolta. “Abbiamo ricevuto un feedback fantastico” dice Nele. “Le persone apprezzano quando parli dei tuoi sbagli, di cos’hai imparato e di come puoi migliorare.” Mostrare di aver compreso i propri errori (e avere un piano per evitare di ripeterli) ha portato un membro della comunità a offrire uno spazio all’hub, risolvendo in un colpo solo il grande ostacolo alla realizzazione del progetto.

Quindi, la prossima volta che qualcosa va storto non arrendetevi. Riconoscete i vostri errori, analizzate cosa è successo e condividete le vostre scoperte. Preparatevi a sbagliare ancora e, questa volta, fatelo meglio.

“Le persone apprezzano quando parli dei tuoi sbagli e di cos’hai imparato.” Nele Kapretz CEO, Impact Hub Berlin

Qual è la lezione più importante che avete imparato da un fallimento? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

Portate idee originali nella vostra attività