Stampare

Come acquistare il migliore portatile per studenti

1 Settembre 2015

6 min: tempo di lettura

Quando si tratta di portatili gli studenti hanno esigenze specifiche.

Come acquistare il migliore portatile per studenti (Desktop)

Quando si tratta di portatili gli studenti hanno esigenze specifiche. Hanno bisogno di un modello leggero e portabile, che sia anche pensato per la vita a scuola o all'università. Necessitano di uno strumento con la potenza necessaria per gestire le applicazioni didattiche, ma con una batteria in grado di durare per tutto il giorno.

Potrebbero sfruttare i display touch-screen o i dispositivi convertibili, ma una tastiera comoda è un must per i compiti. E soprattutto, gli studenti richiedono tutte queste caratteristiche a un prezzo conveniente. Condividiamo i nostri cinque suggerimenti per essere certi che voi acquistiate il migliore.

  1. Prezzo e specifiche

    La buona notizia è che non è necessario pagare una fortuna per un portatile per studenti di livello discreto. Sono disponibili modelli adeguati a prezzi inferiori a 700 € e alcuni anche meno di 300 € se siete disposti a scendere a compromessi in fatto di prestazioni, capacità di archiviazione o dimensione dello schermo. Inoltre, molti produttori offrono sconti per scuole, università o anche singoli studenti, abbassando il costo di acquisto.

    La chiave è sapere dove risparmiare denaro e su cosa il taglio dei costi si potrebbe ripercuotere in un secondo momento. Per quanto riguarda la specifica dei processori, cercate un portatile con la potenza necessaria per gestire attività didattiche mainstream ma che offra un grado di flessibilità per supportare le applicazioni future. I processori entry-level Intel Celeron e Pentium, basati sulla tecnologia Intel Atom, saranno adatti per semplici applicazioni di Office e basate sul Web, ma potrebbero non avere la potenza richiesta per un lavoro più complesso.

    Per sistemi adatti alle future esigenze, concentratevi sui processori Celeron e Pentium dual-core di fascia più alta (quelli senza una N prima del numero di modello) o, meglio ancora, i portatili con i processori Intel Core i3 e i5.

    Anche le APU AMD A8 e A10 sono una buona opzione. Le APU (Accelerated Processing Unit, unità d'elaborazione accelerata) combinano il processore e l'acceleratore grafico in un unico chip. Le APU o i portatili con chip grafico dedicato forniranno prestazioni più uniformi nelle applicazioni 3D, inclusi i giochi, e sebbene i portatili per studenti non siano stati concepiti come computer da gioco, più versatile è il portatile, meglio è. In modo analogo, sebbene 2 soli GB di RAM siano in grado di eseguire Windows 8 o Windows 10 in modo soddisfacente, 4 GB offriranno un'esecuzione più omogenea quando sono aperte più applicazioni contemporaneamente.

    Lo spazio su disco rigido non è importante come un tempo e alcuni portatili per studenti sono ora dotati di unità SSD da 16 o da 32 GB (unità a stato solido anziché dischi rigido; le unità SSD sono meno suscettibili ai danni ma offrono meno spazio di archiviazione), mentre gli studenti archiviano i file sui server della scuola o dell'università o sui servizi di cloud storage come Google Drive o Microsoft OneDrive. È ancora utile disporre di spazio, tuttavia, anche solo perché fornisce la flessibilità necessaria per archiviare e utilizzare file di grandi dimensioni in locale, aprendo una più ampia gamma di applicazioni di editing di foto e video.

  2. Dimensione e forma

    I portatili presentano ora molte forme e dimensioni, a partire dai sistemi di grandi dimensioni sostitutivi dei desktop, agli ultrabook sottili e leggeri, fino ai dispositivi convertibili, in grado di passare dalla modalità tablet alla modalità portatile e viceversa per soddisfare le differenti esigenze. Il trucco è decidere qual è quello giusto per le vostre necessità.

    Se gli studenti devono utilizzare le applicazioni video o grafiche, un modello sostitutivo del desktop tra i 15,6 e i 17,3 pollici potrebbe avere senso, ma ciò che guadagnate in termini di dimensione dello schermo lo perdete in portabilità. In modo analogo, un modello da 11,6 pollici sarà superleggero, ma non versatile. I dispositivi da 13,3 e da 14 pollici sono la soluzione intermedia perfetta e potrebbero essere una buona scelta per la scuola o l'università.

    I dispositivi convertibili, invece, hanno senso se le scuole investono in app compatibili con display touch-screen, sono disposte a svolgere maggiore lavoro sul campo o necessitano di un portatile da utilizzare nelle scuole elementari o per supportare studenti EES (Esigenze Educative Speciali). Lavorare fuori può essere più facile con un touch-screen rispetto a un modello con mouse e tastiera, e i bambini più piccoli e gli studenti EES possono entrambi trarre vantaggio dalle funzioni touch semplici e intuitive.

    La maggior parte dei portatili da 11,6 a 15,6 pollici ha una risoluzione di base di 1.366x768 pixel, valida per scopi generali. Tuttavia, vale la pena pagare per uno schermo dalla risoluzione maggiore, in particolare se si acquista un modello sostitutivo del desktop. Con una risoluzione di 1.920x1.080 pixel le immagini risulteranno più nitide e chiare e sarà possibile visualizzare più finestre delle applicazioni sullo schermo; un vero e proprio vantaggio aggiuntivo se lavorate su progetti complessi.

    Qualunque modello scegliate, pensate attentamente al touchpad e alla tastiera. Anche alle scuole medie e superiori e nelle università gli studenti devono produrre notevoli quantità di testo e un portatile con una buona tastiera dai tasti ben distanziati e un trackpad grande e liscio sarà molto più comodo da utilizzare nel lungo termine. Leggete le recensioni e, laddove possibile, provateli prima di acquistarli.

  3. Qualità costruttiva e connettività

    Alcuni portatili convenienti scendono a compromessi sulla connettività, facendo a meno di uscite video HDMI, connessioni di rete Ethernet e porte USB 3 a maggiore velocità, ma va considerato l'utilizzo principale.

    Dovreste pagare una piccola somma aggiuntiva per un portatile con almeno una porta USB 3, rispetto al tipo USB 2 precedente, se dovete lavorare con dischi rigidi esterni ad alta velocità. L'esempio più ovvio di ciò è l'editing video, in cui potrebbe essere necessario archiviare su tale disco file di progetto di dimensioni enormi.

    Le uscite video HDMI stanno diventando sempre più comuni su portatili e display, che si tratti di TV, monitor o proiettori, e offrono un modo facile per condividere lo schermo del portatile, ad esempio per una presentazione.

    La connettività Ethernet, al tempo stesso, significa che non siete completamente dipendenti dalla connessione Wi-Fi del portatile e tale funzione consente la gestione e la risoluzione dei problemi nella rete della scuola. Per quanto riguarda le connessioni wireless, la connettività 802.11n è l'ideale per la maggior parte delle finalità scolastiche, con il supporto dual-band a 2,4 GHz e 5 GHz come funzione aggiuntiva. Alcuni portatili ora supportano il nuovo standard 802.11ac, ma a meno che la scuola non stia investendo in nuove reti wireless per supportarlo, non ne vale la pena.

    Dall'altra parte, vale sempre la pena pagare per una buona qualità costruttiva. Le scuole e le università non sono "gentili" con i portatili, pertanto qualsiasi tipo di rinforzo, o anche alcuni componenti in plastica solida nel coperchio e nello chassis, possono aiutare il vostro dispositivo a sopravvivere alla dura vita degli studenti. Se i vostri portatili non sono stati concepiti con tale robustezza, investite in una custodia rigida, una borsa imbottita o uno zaino per portatili. Terranno i portatili al sicuro negli spostamenti a scuola.

  4. Gestione, sicurezza e assicurazione

    Le funzioni di gestione non sono obbigatorie per i singoli portatili, ma se la vostra scuola sta implementando un parco macchine, esse consentiranno al team IT di risparmiare tempo, e a lungo termine, anche denaro. Intel Active Management Technology e la capacità di utilizzare strumenti di gestione e configurazione vi permetteranno di ridurre il carico di gestione.

    In modo analogo, il software antifurto incluso, il software di sicurezza Internet e un lucchetto Kensington incorporato vi permettono di proteggere i vostri portatili da eventuali minacce, sia digitali che fisiche. Su quest'ultimo fronte alcune scuole si affidano a evidenziatori antifurto otag di gestione dell’asset RFID.

    Infine, se state acquistando un portatile per vostro figlio o figlia studente, non dimenticate l'assicurazione. Sebbene il dispositivo possa essere coperto dalla polizza domestica esistente per gli oggetti personali, potreste volerlo assicurare contro eventuali danni accidentali e furto ricorrendo ad una polizza per portatili dedicata.

    Per le scuole, alcuni rivenditori al dettaglio o produttori offrono l'assicurazione come servizio aggiuntivo oppure i portatili possono essere coperti dalla polizza per apparecchiature esistente. Assicuratevi solo che siano protetti da eventuali danni accidentali e che la copertura si estenda sia all'interno che all'esterno della classe.

    I portatili sono progettati per la mobilità: è un peccato confinarli su una scrivania.

Stampare